Sezione PLR di Biasca

Il PLR di Biasca guarda al futuro

Nell’ultima assemblea della Sezione PLR biaschese, il sindaco Loris Galbusera, i municipali Omar Terraneo e Joël Rossetti, Luigi Rossetti e Tiziano Lüthi, presidente e neo capogruppo della Sezione, hanno esposto lo stadio dei lavori in corso e le tematiche prioritarie per il PLR. Il sindaco si è dapprima soffermato sull’importanza di una riqualificazione di Biasca (in particolare riferendosi alla revisione del PR) in vista della costituzione di un Polo regionale di servizi, nonché sul boom edilizio che dovrebbe portare a un aumento demografico e quindi allo sviluppo del borgo. Galbusera ha inoltre messo in luce come il trasferimento di oneri cantonali su enti locali (revisione delle casse pensioni dei dipendenti comunali) e il peso della gestione di un territorio che ha sempre più bisogno di servizi limitino il margine di azione del Comune. Omar Terraneo ha portato buone nuove sul progetto di valorizzazione della zona industriale: infatti, con la collaborazione del DFE e del consigliere di Stato Christian Vitta, Biasca si sta impegnando nell’assunzione di un general manager d’area che si occuperà di promuovere la zona e di attirare aziende ad alto valore aggiunto. Joël Rossetti ha invece parlato dell’utilità di istituire un ente autonomo per la gestione della Casa per anziani (ribadendo, onde evitare inutili strumentalizzazioni e fraintendimenti, che non si tratta di una privatizzazione del servizio), rilevando pure l’urgenza del risanamento dell’infrastrutture per l’atletica leggera del Centro Sportivo al Vallone, che pone il Comune dinanzi a due opzioni: non intervenire e smantellare una struttura non più idonea, o investire – come auspica il municipale – per mantenere l’infrastruttura sportiva e il valore sociale che rappresenta. Luigi Rossetti infne, ha ribadito che a inizio legislatura il Municipio aveva deciso all’unanimità di ritornare sulla questione dell’ubicazione delle Scuole elementari e della Casa per anziani, due investimenti cruciali per la Biasca dei prossimi  40 anni. L’esecutivo ha proposto di allestire degli studi in parallelo per vagliare i vari scenari, incontrando le perplessità di una forza politica, con il rischio di rallentare i lavori. Rossetti ribadisce l’appoggio alla scelta del Municipio, ma anche l’importanza di uno studio.